L’ultima estate dell’Europa

Spettacolo teatrale, regia di Ruggero Cara con Giuseppe Cederna, Alberto Capelli e Mauro Manzoni.
La scrittura, più di ogni altro, ha raccontato la Grande Guerra. Più del cinema, ai suoi inizi, più della fotografia, più della pittura o della musica. E di testi dei più grandi scrittori è fatto questo monologo,
un racconto per “immagini narrate” in cui Giuseppe Cederna interpreta ruoli, situazioni, fatti e vicende della Prima Guerra Mondiale. Rinchiuso in una scenografia di sacchi di juta, in una
trincea che rappresenta il limite e l’orizzonte estremo del narratore, Cederna ripercorre lo sviluppo caotico e inevitabile della guerra, dall’attentato di Sarajevo alle carneficine del Carso, delle Dolomiti,
degli infiniti fronti dove la migliore gioventù dell’Europa venne, letteralmente, fatta a pezzi. Il racconto è ampliato dalle musiche dal vivo composte ed eseguite da Alberto Capelli e Mauro Manzoni.
I testi, di grande suggestione, sono stati selezionati e raccolti da Augusto Golin.
Ingressi: intero 10 €, ridotto studenti 7 €.
Prevendita: dal 19 settembre al recapito Fondazione Teatri presso Porta Dojona -Via Mezzaterra, Ufficio Turistico di Piazza Duomo e botteghino del Teatro Comunale, negli orari di apertura.

Sabato 3 ottobre Ore 21 – Teatro Comunale

 

I commenti sono chiusi.